Le entrate in Co.Ca.

Con immenso piacere dei più vecchi tra i capi, quelli che sperano in un imminente “prepensionamento”, quest’anno abbiamo avuto ben quattro entrate in Co.Ca.

Abbiamo dedicato all’evento una breve celebrazione, che prevedeva tra l’altro la consegna di questi nodi, ovviamente realizzati in fimo! Sono composti da una targhetta con il nome (il nome giungla per chi è in staff LC), che ho stampato usando dei timbrini, e da una matita, ispirata al brano che abbiamo letto per l’occasione. Il brano è davvero bello, eccolo qui:

La storia della matita 
Il bambino guardava la nonna che stava scrivendo una lettera. Ad un certo punto le domandò: “Stai scrivendo una storia che è capitata a noi? E che magari parla di me?”  La nonna interruppe la scrittura, sorrise e disse al nipote: “È vero, sto scrivendo qualcosa di te. Tuttavia, più importante delle parole è la matita con la quale scrivo. Vorrei che la usassi tu, quando sarai cresciuto”.  Incuriosito il bimbo guardò la matita senza trovarvi alcunché di speciale. 
“Ma è uguale a tutte le altre matite che ho visto nella mia vita!”. 
“Dipende tutto dal modo in cui guardi le cose. Questa matita possiede cinque qualità: se riuscirai a trasporle nell’esistenza, sarai sempre una persona in pace con il mondo.  
Prima qualità: puoi fare grandi cose, ma non devi mai dimenticare che esiste una mano che guida i tuoi passi. Dio: ecco come chiamiamo questa mano! Egli deve condurti sempre verso la sua volontà. 

Seconda qualità: di tanto in tanto, devo interrompere la scrittura e usare il temperino. È un’azione che provoca una certa sofferenza alla matita ma, alla fine, essa risulta più appuntita. Ecco perché devi imparare a sopportare alcuni dolori: ti faranno diventare un uomo migliore.  
Terza qualità: il tratto della matita ci permette di usare una gomma per cancellare ciò che è sbagliato. Correggere è un’azione o un comportamento non è necessariamente qualcosa di negativo: anzi, è importante per riuscire a mantenere la retta via della giustizia.  
Quarta qualità: ciò che è realmente importante nella matita non è il legno o la sua forma esteriore, bensì la grafite della mina racchiusa in essa. Dunque, presta sempre attenzione a quello che accade dentro di te. 
Ecco la quinta qualità della matita: essa lascia sempre un segno. Allo stesso modo, tutto ciò che farai nella vita lascerà una traccia: di conseguenza, impegnati per avere piena coscienza di ogni tua azione”.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...